Questo sito utilizza i cookie per offrire il miglior servizio possibile. Continuando a navigare nel sito si acconsente all'utilizzo dei medesimi.

 
Immagine della terra bruciata e sterile
Immagine dell'Unico e Vero simbolo di Pace
Sovrappopolazione

Battaglia contro la sovrappopolazione

Un argomento minaccioso e di larghissima portata, di cui NESSUNO osa parlare

 

[Traduzione dell'originale : "Abschnitt 1.01- Kampf der Überbevölkerung"]> <<< click per testo originale

 

Gli esseri umani della Terra e il loro pianeta, sono afflitti da tanti mali che unicamente loro stessi si sono procurati. Tutti questi mali esistenti si moltiplicheranno però ancora fino a superare l'orlo del precipizio. L'uomo della Terra è tormentato da: carestie, insufficienza energetica, epidemie, inquinamento ambientale, degenerazione, terrorismo, dittature, anarchia, schiavitù, crescita eccessiva dei rifiuti speciali, razzismo, mancanza di cibo, distruzione delle foreste pluviali, effetto serra e inquinamento delle acque, odio per gli esiliati, emissioni radioattive e contaminazione chimica delle acque, dell'aria, delle piante, degli alimenti, degli esseri umani e degli animali. Ma ci sono altri mali ancora quali criminalità, omicidi, stermini di massa e assassini, alcolismo, xenofobia, odio verso i paesi stranieri, repressione, odio per il prossimo, estremismo, aumento delle sette, dipendenza dalle droghe, sovrappopolazione, sterminio degli animali, guerra, violenza, tortura e pena di morte, cattiva amministrazione, contaminazione delle acque, distruzione delle piante, odio, vizio, gelosia, insensibilità, illogicità, falsa umanità, carenza di alloggi, traffico sempre più caotico, distruzione dei terreni coltivabili, disoccupazione, crollo dell'assistenza sanitaria e del sistema pensionistico, distruzione totale della natura, crollo del sistema dello smaltimento dei rifiuti, mancanza di spazio vitale ecc.

Nonostante si siano fatti innumerevoli sforzi, i problemi non solo non diminuiscono, ma aumentano continuamente e in proporzione alla crescita dell'intera popolazione. L'uomo della Terra cerca sempre di combattere i vecchi mali con dei nuovi, ma in verità questa è la via che porta alla rovina finale. Prendiamo il caso di un individuo che ha dei debiti e che per saldarli li copre con dei nuovi e poi ancora e ancora con altri debiti nuovi, ecc. Alla fine questi debiti saranno così ingenti che sarà impossibile pagarli tutti.

Ed è proprio così che si comporta l'uomo della Terra quando combatte i vecchi mali con quelli nuovi. Ma l'uomo della Terra, nell'agire e nel pensare è spesso così illogico che, per scacciare un vecchio male, ne inventa senza nessun criterio uno nuovo pensato lì per lì, senza nessuna logica sotto ogni punto di vista. Se l'energia elettrica scarseggia, l'uomo della Terra semplicemente progetta e costruisce nuove e più potenti centrali atomiche o idroelettriche o a combustione di petrolio o carbone, senza riflettere che in questo modo le centrali atomiche e quelle a combustione di petrolio e carbone inquinano terribilmente l'ambiente e senza contare il pericolo di fughe radioattive che potrebbero sprigionarsi dalle centrali atomiche mettendo in pericolo l'intera vita sulla Terra.

Ma, indipendentemente da tutto ciò, questi impianti di produzione energetica che per essere costruiti richiedono dai 3 ai 7 anni, sono già in parte superati al momento del loro completamento e non più ormai sufficientemente capaci da coprire il fabbisogno energetico richiesto. Questo è dovuto al fatto che durante la loro costruzione l'incremento eccessivo delle nascite e la conseguente sovrappopolazione non si è affatto fermata ma è andata avanti regolarmente.

Centinaia di milioni di esseri umani in tutto il mondo nascono durante la costruzione di una centrale elettrica e tutti questi milioni di persone che si sono aggiunte necessiteranno a loro volta di ulteriore nuova energia. E' chiaro il fatto che la crescita inarrestabile della popolazione terrestre incrementa anche il consumo energetico. La Terra viene così sfruttata sempre più e con maggiore velocità: altre centrali atomiche e altre centrali energetiche, che mettono in pericolo e distruggono senza sosta e sempre più l'ambiente e la vita, devono essere nuovamente costruite e messe in funzione.

Ma ci sono anche altre fonti che sono causa del pericolo e della distruzione del pianeta e di tutta la sua vita, come per esempio l'uso indiscriminato della chimica, il progetto-HAARP degli americani in Alaska, gli esperimenti atomici e l'uso commerciale di bombe atomiche attraverso il quale vengono creati laghi, corsi d'acqua, scarichi e depositi sotterranei per lo smaltimento dei rifiuti, delle acque sporche, de ll'immondizia e del le scorie radioattive. Ma sono da menzionare anche il disboscamento della foresta pluviale e gli incendi dolosi dei boschi allo scopo di g uadagnare illegalmente terreno edificabile ecc. e tutte quelle attività sportive e criminali che fanno uso di motori a combustione di idrocarburi, alcool, benzina, diesel ecc.

E' una caratteristica dell'essere umano della Terra, a causa dei suoi pensieri illogici e puramente materialistici, quella di agire e di pensa re ad ogni cosa in modo sbagliato. Egli si comporta in modo illogico anche per quanto riguardo il problema della fame nel mondo. Per risolvere questo problema vengono mobilitate innumerevoli organizzazioni caritatevoli con il fine di raccogliere soldi, derrate alimentari e altri aiuti a favore degli affamati e dei bisognosi, tutto ciò solamente per intascarsi da un lato legalmente il 40% delle finanze globali come copertura delle spese, e dall'altro per favorire, attizzare e far straripare ancor di più il problema della sovrappopolazione.

Con questa azione apparentemente umanitaria, ma che in realtà è distruttrice, non si alleviano le sofferenze degli uomini della Terra e non si risolve il problema della fame nel mondo, anzi, questo problema viene immensamente e ancor più aggravato. L'amore umanitario e l'altruismo, intesi in modo sbagliato, la conseguente offerta d'aiuto fuori luogo in gran parte generati da un umanitarismo assolutamente falso e quasi sempre generato da influenze provenienti da religioni, da sette o da altre false dottrine sono l'esatto contrario dell'amore, dell'altruismo e dell'umanità.

Si creano così difatti problemi ancora più grandi e pesanti dei precedenti. In modo irresponsabile e senza soffermarsi a chiedersi dove stia la verità, senza responsabilità nei confronti dei propri doveri e senza rispetto per la vita e il compimento delle leggi e degli ordini naturali della Creazione, tanta gente offre sbadatamente aiuto che non è di aiuto a nessuno e per lo più favorisce la distruzione della vita. Inoltre, giocano qui un ruolo fondamentale non solo falsa pietà ed influenze settarie, ma anche il fatto che molti aderiscono a queste azioni d'aiuto per lavarsi la propria coscienza, poiché essi vivono nell'agiatezza. Queste persone non si rendono conto però, che è anche merito loro e dei loro concittadini se nel paese civilizzato dove abitano c'è benessere – proprio perch é inconsapevolmente esse si impegnano in prima persona affinch é la popolazione del paese in cui vivono, non aumenti oltre un certo limite, ovverosia , venga tenuta bassa. E' un comportamento molto più saggio di quello che è abituata a fare la gente dei cosiddetti paesi bisognosi d'aiuto o sottosviluppati, ove si moltiplicano irresponsabilmente, come conigli e senza porsi troppe domande, per poi urlare che hanno fame. Tutto questo è causato dal fatto che ad essi manca il vero aiuto, cioè quello costituito da un controllo delle nascite.

Ovunque venga data loro la possibilità, questi falsi umanitarismi offrono beni e soldi con il motto “pane per tutti” e “fame nel mondo” ecc. , senza però che venga offerto alle popolazioni dei paesi poveri un aiuto reale. Così facendo mettono il bastone tra le ruote alla ragione e alla natura che alla fine è costretta a ribellarsi contro la sovrappopolazione dando luogo a carestie. Queste persone con falsi ideali umanitari, non si rendono però conto di questi fatti o semplicemente li vogliono solo ignorare.

Vengono così concepite e messe al mondo, più numerose che mai, altre centinaia di milioni di persone affamate in nome di una pietà che è contro natura e in nome di un falso umanitarismo; mentre tutto questo si potrebbe evitare con l'ausilio di un controllo delle nascite volontario o coercitivo. Con questa eccessiva massa di esseri umani è inevitabile che si vada incontro nel futuro a sempre maggiori problemi e a carestie che porteranno ad una lenta distruzione della fauna, della flora e di tutta la vita sul pianeta.

I sopravvissuti alla fame, ora ben nutriti e divenuti grandi e forti, senza perdere tempo e senza aver ricevuto nessuna informazione sul controllo delle nascite, si metteranno subito all'opera a procreare ulteriori ed innumerevoli discendenti calcolabili annualmente in decine di milioni di individui.

Tutto questo non ha solo un effetto immediato ed aggravante sul problema della fame, dell'energia, della medicina, dello spazio vitale, delle finanze ecc., ma questi nuovi individui contribuiscono ulteriormente al problema dell'eccessivo accrescimento dell'umanità terre stre . Tali persone, una volta cresciute e giunte alla maturità sessuale, cominciano subito anch'esse a generare altre persone che di nuovo a loro volta ne genereranno altre in un numero ancora maggiore e via via così.

Sempre più velocemente e in uno spazio di tempo maledettamente breve, la Terra sarà sempre più sovrappopolata. Se nell'anno 1978 si contavano sulla Terra ancora 4 miliardi di persone, nell' anno 2000 se ne contano all'incirca già 7 miliardi. Con questo aumento costante e inarrestabile della sovrappopolazione si intensificano e divengono molto più numerosi anche tutti gli altri problemi in modo non quantificabile.

Questi sono problemi tali da non lasciare intravedere una via d'uscita per la vita stessa dell'uomo e neanche per quella del pianeta insieme alla sua fauna e la sua flora. Così come, senza sosta, aumenteranno nei prossimi decenni le degenerazioni negli uomini e anche il pianeta stesso e la natura degenereranno sempre di più.

Già di per sé la minaccia della distruzione della fascia d'ozono, provocata dagli uomini, recherà con sé una inimmaginabile sofferenza su tutta la Terra a tutti gli esseri viventi oltre ad una diffusione di epidemia da immunodeficienza. In seguito a guerre, rivoluzioni ecc. si verificheranno delle vere e proprie trasmigrazioni di popoli nel momento in cui questi fuggiranno dai loro paesi d'origine per cercare asilo altrove. Tutto ciò porterà conseguentemente e nuovamente a odio verso gli stranieri, verso gli esiliati e le altre razze, con il risultato di gravi disordini e di assassini, innescati da estremisti d'ogni genere. La dipendenza dalle droghe di vastità epidemica e la politica-terrorismo internazionale prenderanno il sopravvento. Compariranno ancora recessione ed inflazione e milioni di persone resteranno senza lavoro e senza stipendio. La criminalità e la delinquenza organizzata si espanderanno in modo violento e carneficine, eseguite da singoli individui e stragi in massa, eseguite da uomini in preda a follie religioso-settarie o politiche, saranno all'ordine del giorno. L'ambiente verrà distrutto sempre più e il pianeta stesso depredato e vessato.

Ma la natura e il pianeta si vendicheranno di tutto questo e tempeste, uragani e cicloni eccezionalmente violenti imperverseranno sulla Terra. Divamperanno inoltre incendi giganteschi che divoreranno boschi, prati ecc. Terribili bufere spazzeranno la Terra, come non si era più verificato da tempi immemorabili.

Siccità di vasta entità affliggeranno gli esseri umani ed il pianeta, ma non mancheranno nemmeno inondazioni eccezionali. Un'enorme quantità di neve e di grandine cadranno dal cielo, vulcani inattivi da tantissimo tempo si sveglieranno riprendendo la loro attività ed influenzando negativamente l'intero clima terrestre. Ma anche i vulcani attivi si faranno sentire di più ed i terremoti saranno più frequenti e più violenti come non mai, fatto questo riconducibile, non per ultimo, all'utilizzo di bombe atomiche e di altre masse esplosive a scopi commerciali o sperimentali che faranno tremare la Terra.

Se nell'anno 1978 la popolazione sulla Terra era di 4 miliardi, oggi questa cifra è ormai di gran lunga superiore alla capacità portante che il nostro pianeta può reggere per nutrire in modo naturale e sano tutti quanti senza che un solo uomo debba soffrire la fame e senza dover ricorrere a macchinazioni, a intromissioni e sfruttamenti della natura al fine di produrre una maggiore quantità di cibo.

La Terra è veramente un pianeta meraviglioso che, con tutti gli annessi e connessi, può supportare senza nessun problema il carico di 529 milioni di persone e nutrirle in abbondanza. Ma l'uomo ha generato uno spaventoso eccesso di popolazione e di conseguenza egli si è visto costretto a spremere con la chimica e con coltivazioni sperimentali tutte le piante commestibili fino a prestazioni innaturali. Tutto ciò però non basta perch é , con una popolazione in continua crescita, qualsiasi tipo di sfruttamento della Terra, incluso anche quello delle materie prime, deve essere portato all'estremo, affinch é possa essere soddisfatto il sempre più crescente ed inarrestabile fabbisogno di tutte le materie prime.

Del fatto che anche la distruzione dei terreni coltivabili debba attribuirsi alla follia della sovrappopolazione, oltre che alla chimica e all'espansione dei terreni edificabili ecc., non parla proprio nessuno. Nemmeno si parla del fatto che tanti alimenti per l'uomo non sono solo impregnati di additivi chimici, ma la loro composizione è in gran parte ormai solo sintetica.

Originariamente in ogni singolo territorio della Terra vivevano tante persone quante il territorio dato era in grado, in modo naturale, di nutrire. La chimica e altri veleni o la coltiv az ione di piante nuove e lo sfruttamento intensivo del terreno erano ancora sconosciuti. Ma tutto questo cambiò rapidamente. Durante il Medioevo, e in particolar modo ai tempi della Rivoluzione Francese, nacque la stupida idea che servissero molti più uomini nel caso ci si volesse ribellare alle autorità per poterle rovesciare . La popolazione si incitò a vicenda per procreare nuove progenie e per diventare più potenti e più forti.

In questa faccenda diedero un loro contributo anche il Cristianesimo e le sue sette; ma qui deve essere menzionato in particolar modo il Cattolicesimo che, più forte che mai, predicava la sua folle ed ingannevole dottrina: “Andate e moltiplicatevi”. Uno slogan che il gran capo della Chiesa e i suoi aiutanti in abito talare continuano ancora oggi a diffondere in ogni angolo del mondo con lo scopo di raccogliere nuove “pecorelle”, guadagnarsi il loro obolo e favorire così una molt i plicazione degli uomini come conigli.

Il risultato è la sovrappopolazione. La sovrappopolazione indica naturalme nte maggior fabbisogno alimentare, di molta più energia, di più materie prime e di tanto altro ancora. Solo per quel che riguarda l'alimentazione si giungerà presto al punto in cui tutti i vegetali a coltivazione biologica divent eranno una rarità, poiché ormai il fabbisogno alimentare di tutta questa enorme, pazzesca massa di gente, potrà essere soddisfatto solo con prodotti chimici. Questo si verifica in parte già oggi, dato che il fabbisogno alimentare è cresciuto negli ultimi decenni senza sosta. Non è cresciuto solo il problema dell 'approvvigionamento di cibo. Assieme ad esso è cresciuto anche quello della scarsità di energia.

L'inquinamento, con tutti i suoi mali, e la distruzione totale del mondo e della vita sono una continua minaccia per gli uomini della Terra. Si potrebbe stendere un lunghissimo elenco di tutto quanto è in pericolo, di quello che viene distrutto, estirpato ed estinto. L'uomo però non ha ancora tratto alcun insegnamento dai danni che ha recato finora alla natura, al pianeta e a tutta la vita in generale. Ora la popolazione terrestre, il pianeta Terra e ogni forma di vita che lo abita sono arrivati ad un punto estremo, per colpa di quelle persone che sostengono il falso altruismo e il falso umanitarismo e agiscono a loro piacimento in modo criminoso. Alla stessa maniera tutto ciò è colpa anche di coloro che scaldano le sedie e detengono posti di responsabilità presso amministrazioni, governi ed organizzazioni umanitarie, ed escogitano tutto il possibile e l'impossibile per annientare ciò che resta della vita del nostro pianeta Terra fino a portarlo alla distruzione finale ed irreversibile.

Colpevoli sono però anche tutti quelli che, privi di responsabilità e di iniziativa, delegano agli altri l'avvio di un cambiamento e un miglioramento con il pretesto deficiente ed infantile: “Che cosa posso fare io da solo?“ oppure: “Se gli altri fanno qualcosa, naturalmente mi aggrego anch'io“ ecc. Chi però ragiona in questo modo non è degno della propria vita e non ne è neanche padrone, esattamente come quelli che, con la scusa del falso umanitarismo e del falso altruismo ecc., non fanno altro che fomentare ancor di più la folle cr es cita della sovrappopolazione, facendo aumentare follemente e all'inverosimile anche tutti gli altri problemi futuri ancor peggiori dell'umanità terrestre.

Chi ragiona secondo queste logiche e sostiene che il mondo vada bene così com'é, in realtà vuole che non sia fatto nessun progresso e che il mondo e tutta la vita vengano distrutti.

Tutti i mali più stridenti dell'umanità terrestre, la loro origine ed esistenza sono da ricercare nella realtà della sovrappopolazione e nella sua continua, inarrestabile ed irresponsabile crescita. Quindi questo male può essere combattuto e risolto solamente se vien e affrontato alla radice, estirpato ed eliminato: la popolazione terrestre deve essere ridotta drasticamente.

L'uomo può basarsi solo su un unico fondamento se vuole ridurre la popolazione dell'umanità. Questo fondamento è quello di una regolamentazione delle nascite che stab ili sca a quale età la coppia può procreare e quanti discendenti può mettere al mondo, numero questo che per nessun motivo deve essere superato. Questi sono provvedimenti necessari, anche contro tutte le scappatoie, obiezioni, paure e stupidi commenti da parte di quei deficienti che sostengono, per motivi militari, religiosi, sociali, egoistici e per falsa umanità e falso altruismo che un consistente numero di discendenti sia indispensabile e che il controllo delle nascite sia disumano e contra rio alla religione.

Di una stoltezza tale sono capaci solo i grandissimi egoisti, i settari e anche tutti quelli che non sono degni di stare al mondo e non hanno neanche la più pallida e lontana idea di che cosa siano le leggi e gli ordini naturali. Figuriamoci se abbiano anche soltanto una vaga idea di che cosa sia la vera logica.

Tutti i grandi problemi dell'umanità terrestre possono essere risolti unicamente attraverso un controllo mirato delle nascite, in modo da ridurre l'umanità ad un numero di individui adatto al pianeta. Tutti gli altri provvedimenti per risolvere questo problema sono solo miseri e deplorevoli tentativi, paragonabili ad una goccia nel mare, e che, al contrario, farebbero aumentare ancora di più tutti i guai e tutti i problemi.

Vi sembra che tutto questo sia barbaro, disumano e privo di amore verso il prossimo? Al contrario. Se riflettete per una volta in modo logico su questi fatti (sempre che non lo abbiate già fatto da tempo e si a te arrivati alla stessa conclusione), troverete anche voi una forma di verità e di logicità, come già esposto sopra. Solo le persone che ragionano in modo illogico possono sostenere il falso altruismo e la falsa umanità e negare così la verità. Queste persone sono state fuorviate con forza da manovre settarie e da false dottrine, si sono ridotte a serpenti striscianti e sono state rese oramai incapaci di un qualsiasi pensiero, percezione e azione che siano sani, normali e ragionevoli. Al posto della vera compassione per ogni essere vivente sono rimasti solo pietà per gli altri e per se stessi, debolezza di mente e illogicità.

Così viene distrutto ogni rispetto per la vera vita e al loro posto dilagano falsa umanità e falso altruismo che, come bubboni ulcerosi, possono diffondersi in modo epidemico.

Da sempre è stato maledettamente faticoso riconoscere la verità, ammettere gli errori e riconoscere le colpe. Solo in casi rari sappiamo accettare la dura verità senza ribellarci ad essa. L'essere umano della Terra si sente sempre colpito di persona quando si trova di fronte alla verità. Semplicemente egli si pone al di sopra di tutto e di tutti e si culla nell'illusione di essere in tal modo senza errori e senza colpe. S iccome non è capace di sopportare la verità, semplicemente la nega, perché essa non corrisponde alla sua personale ed errata opinione. In verità un comportamento così non è altro che una grande vigliaccata che fa rivoltare lo stomaco a chiunque sia in grado di ragionare in modo normale.

La verità è sempre stata dura dai tempi dei tempi e anche l'autentico amore, l'altruismo e l'umanità possono sembrare altrettanto duri perch é in definitiva richiedono all' uomo azioni e pensieri logici. Questo vale anche per la soluzione dei problemi dell'umanità terrestre dove emerge chiaro il fatto che tutti i grossi mali possono essere risolti esclusivamente e solamente con un rigoroso controllo delle nascite e senza che vengano offerti aiuti inumani.

Anche per gli uomini della Terra valgono le leggi della natura e chi tiene aperti gli occhi le sa riconoscere facilmente. Quando si verifica in un determinato territorio un aumento improvviso di una qualsiasi specie di animale e c'è il rischio che in quel territorio non ci sia più abbastanza cibo per sfamare tutti gli animali, allora scoppia qualche epidemia che provvede a decimare la popolazione animale diventata troppo eccessiva. In questi casi succede anche che gli animali in esubero semplicemente periscono di fame oppure, stremati dall'inedia, divent i no facile preda dei loro nemici naturali. Viene in questo modo restituita alla natura la giusta popolazione, cosicché in ogni territorio possano vivere sempre tanti animali quanti il territorio può nutrire.

Solamente l'uomo, in quanto essere pensante, va contro questa legge della natura e la calpesta.

Immagine di una folla scalpitante

Contrariamente a quanto succede nel mondo animale, l'uomo genera discendenti in misura esorbitante e i territori che dovrebbero offrire nutrimento sono ormai già da tempo così popolati che gli uomini non possono più coltivarli per procurarsi cibo a sufficienza . D'altra parte gli uomini si sono ammassati a milioni nelle città che sono state costruite su terreni una volta fertili. Ora in queste città si fa arrivare il cibo senza che nessuno muova personalmente neanche un dito per piantarlo, curarlo e raccoglierlo su terreni, ancora rimasti liberi e disponibili per l'agricoltura e la coltivazione.

L'uomo pensa di essere al vertice della Creazione e , in quanto dotato di ragione, di avvalersi del folle diritto di porsi al di sopra di ogni cosa . Crede di potersi permettere una sovrappopolazione planetaria e di disprezzare e calpestare con i piedi tutte le leggi e gli ordini naturali.

In questa folle megalomania egli è diventato ormai talmente disumano, privo d'amore per il prossimo e debole di mente che è finito per degenerar e in un essere immensamente vile. E' diventato incapace di fare una riflessione ragionevole e a provare un amore autentico per il prossimo , per l'umanità e per la verità e di conseguenza non capisce neanche più che, per esempio, è proprio per colpa della sovrappopolazione se sono venuti a galla tutti i grandi problemi dell' umanità terrestre. Problemi che si possono risolvere solo con la riduzione della popolazione attraverso un severo controllo delle nascite. Invece di riconoscere questa verità, vengono messe in piedi e si sovvenzionano in modo criminoso organizzazioni assistenziali che operano contro le leggi naturali facendo più danni che benefici. Tali organizzazioni non danno nessuna spiegazione riguardo a l controllo delle nascite e nemmeno lo attuano , con il risultato che si continuano a mettere al mondo decine di milioni di individui e tutti i problemi, già enormi, aumentano in maniera incommensurabile.

I più ricchi sovvenzionano queste macchinazioni con somme da capogiro con lo scopo di lavarsi la propria coscienza sporca, frutto del loro falso altruismo e della loro falsa bontà. Questi benefattori ingannano vigliaccamente la propria coscienza poiché sono incapaci di riconoscere l'autentica verità e di operare esclusivamente secondo i suoi principi. In questo modo offrono aiuto al posto sbagliato, per cose sbagliate e si rendono colpevoli e responsabili di aver contributo personalmente e direttamente allo sviluppo di una futura miseria mondiale, sempre più dilagante ed ina rr estabile, insieme ad altri mali e a molte altre catastrofi.

Questi falsi benefattori, questi propugnatori dell'umanitarismo fuori luogo e promulgatori della sovrappopolazione sono inoltre colpevoli di tanti altri mali e perfino di gravissimi crimini che vengono commessi oggi sulla Terra. Bisogna ricordare la tortura e la pena di morte che vengono praticate ancora oggi in tanti S tati del mondo. Spesso i sostenitori e promulgatori di queste pratiche sono individui che diffondono e sostengono religioni e sette e offrono aiuti contro la fame nel mondo senza provvedere ad una regolamentazione del controllo delle nascite. E' un paradosso unico poiché da un lato essi intervengono a favore della vita, dall'altro la distruggono torturando e giustiziando coloro che si sono resi colpevoli di un delitto, di un'azione o di un'opinione criminale o politico-rivoluzionaria. Ma come si concilia tutto questo? Del fatto che, grazie a questi aiuti fuori luogo, vengano messi al mondo ancora centinaia di milioni di esseri umani e che da questi nasceranno ancora altri milioni di criminali, di violentatori, drogati, estremisti di ogni genere ecc. nessuno ne vuol sapere nulla.

Sono i falsi benefattori, le persone illogiche, coloro che disprezzano le leggi della Creazione, i falsi propugnatori dell'umanitarismo, i fomentatori della sovrappopolazione , insieme a tanti altri ancora, a seminare svariati mali che germogliano, maturano e ci portano verso quella distruzione che ormai opprime l'intero globo terrestre. Questi mali possono essere chiamati in tanti modi, ma il male principe di tutti e della distruzione, globale si chiama sovrappopolazione.

Il risultato lo si vede in pazzie quali la xenofobia o l'odio per le razze diverse, per i paesi stranieri, per gli esiliati o per il prossimo. Lo si vede nelle forme settarie di ogni genere: religios e , lai che , esoteri che , ufologi che , filosofi ch e, separatist e , non escludendo nemmeno il settarismo delle religioni principali. Come conseguenza ne derivano delitti, guerre, epidemie, tossicodipendenza, abuso di medicinali, vizio del fumo e dell'alcool, sadismo, masochismo e tanti altri flagelli dei quali gli uomini diverranno sempre più schiavi e che si manifesteranno sempre più numerosi e brutali . Tutto questo per colpa del continuo aumento di tutta la popolazione terrestre, una realtà che è emersa da tempo e che non può più essere negata e tenuta nascosta.

Solo i vari fomentatori della sovrappopolazione, réi di crimini contro l'umanità, non vogliono né vedere i fatti, né ammettere e riconoscere la verità.

Ma perché ? Perché questi fomentatori della sovrappopolazione colpevoli di crimini contro l'umanità non vogliono per nessun motivo guardare in faccia la realtà per vedere e rendersi conto che ovunque c'è male e distruzione?

Non è facile rispondere a questa domanda poiché per ognuno di essi esiste una motivazione diversa per questa cecità, a seconda che essi siano soggetti ad alcolismo, droga, abuso di medicinali, vizio del fumo, allo sniffare, al sadismo o masochismo, o a qualunque settarismo di tipo religioso, laico, separatista, filosofico, esoterico, parapsicologo, spiritistico che sia, o facente parte delle religioni principali. Oppure a seconda che abbiano a che fare con guerre, omicidi e delitti, con la xenofobia e l'odio per le altre razze o per gli esiliati o per il prossimo ecc.

E' un errore pensare che la causa di tutte queste degenerazioni menzionate che caratterizzano queste persone sia una sola; in verità ci sono molteplici cause che si suddividono in migliaia di altre cause, che a loro volta si esprimono in correnti estremiste e settarie, o in vizi di ogni genere nei quali assumono importanza determinante . Alcune delle varie cause, per esempio, sono:

  1. Incapacità di vivere
  2. Vizio
  3. Mancanza di autocontrollo
  4. Danni psichici
  5. Propaganda settaria
  6. Propaganda di gruppi separatisti
  7. Propaganda politica
  8. Scarsità di contatti
  9. Euforia
  10. Disoccupazione
  11. Fobie
  12. Malattia
  13. Problemi esistenziali
  14. Problemi di contatto
  15. Problemi nei confronti del prossimo
  16. Problemi di comunicazione
  17. Frustrazione
  18. Scarsa sensibilità
  19. Schizofrenia
  20. Superstizione
  21. Inganno
  22. Coercizione
  23. Terrore
  24. Dispotismo
  25. Educazione sbagliata
  26. Misconoscimento della verità
  27. Mancanza di responsabilità verso se stessi
  28. Aspirazione all' alto
  29. Ricerca del senso della vita
  30. Ricerca della verità
  31. Cattive condizioni (stato) sociali
  32. Odio di ogni genere
  33. Bramosia
  34. Sconsideratezza e noncuranza
  35. Sete di vendetta
  36. Sete di sangue
  37. Voglia di uccidere
  38. Problemi familiari
  39. Freddezza emotiva (di sentimenti)
  40. Esuberanza emotiva di sentimenti
  41. Pene d'amore
  42. Menzogna
  43. Frode
  44. Megalomania
  45. Arroganza
  46. Presunzione
  47. Adulazione esagerata
  48. Disordini governativi
  49. Disordini politici
  50. Guerra e rivoluzione
  51. Disordini di ogni genere
  52. Lite
  53. Disputa
  54. Pena
  55. Afflizione
  56. Ignoranza
  57. Autoritarismo
  58. Cattiva amministrazione
  59. Restrizione di ogni genere
  60. Crisi della personalità
  61. Incostanza
  62. Mancanza di volontà
  63. Mancanza d' iniziativa
  64. Mancanza d'opinione
  65. Mancanza di idee
  66. Violazione della fiducia
  67. Adulterio
  68. Rottura dell'amicizia
  69. Non mantenimento di una promessa
  70. False promesse
  71. Melanconia
  72. Depressione
  73. Lutto
  74. Eccesso di emozioni
  75. Solitudine
  76. Voglia di qualcosa di speciale
  77. Tendenza alla degenerazione
  78. Bisogno di riconoscimento
  79. Pregiudizi
  80. Saccenteria
  81. Falsa critica
  82. Effeminatezza
  83. Ingiustizia
  84. Falso umanismo
  85. Deficienza
  86. Tormenti vari
  87. Tortura
  88. Maltrattamento
  89. Stupro
  90. Sfruttamento
  91. Ragione di Stato
  92. Incapacità
  93. Mancanza d'interesse
  94. Farsi persuadere
  95. Collaborazionismo
  96. Incapacità di giudizi o
  97. Invidia e contrarietà
  98. Avarizia
  99. Mancanza di inibizione
  100. Smisuratezza
  101. Egoismo
  102. Gelosia
  103. Disturbi del comportamento
  104. Rifiuto del lavoro
  105. Voglia di guerra
  106. Bramosia di potere

Questi sono solo centosei di migliaia di altre cause, ragioni, motivi, punti di partenza e fattori determinanti che possono condurre ad un settarismo e assumere diverse e svariate sfumature. Possono portare alla tossicodipendenza e al vizio del fumo, all'alcolismo, allo sniffare droghe, alla follia xenofoba, all'odio per le razze diverse o per il prossimo, all'odio per i paesi stranieri, per gli esiliati ecc. Questi mali possono inoltre condurre a vere e proprie degenerazioni quali il Ku-Klux-Klan, l'antisem i tismo, il neonazismo ecc. con il risultato che da tutto ciò scaturiscono in estese e svariate forme altri innumerevoli mali e distruzioni che spesso conducono ad un completo immiserimento, al suicidio oppure ancora ad assassini, torture, esecuzioni capitali, che a loro volta non sono altro che assassini, criminalità, eccidio e genocidio.

Il futuro ci dimostrerà che tutti questi numerosi mali e distruzioni aumenteranno e si aggraveranno sempre di più. Questi mali sono i settarismi d'ogni genere, i vizi o le varie dipendenze: da droghe, da medicinali, dall'alcool, dallo sniffare ecc. Ma anche la criminalità nelle sue forme più gravi e ogni tipo di delinquenza organizzata prenderanno il sopravvento e ri chiederanno un tributo di molte vite umane. Lo stesso avverrà pure per altre forme di odio quali l'odio per i diversi, per i fratelli, per i rifugiati, per le razze diverse e per il prossimo.

Anche le torture saranno praticate sempre più frequentemente ed assumeranno forme sempre più crudeli e mortali, così come avverrà per le esecuzioni capitali, le violenze carnali, gli assassini, i massacri, i delitti religiosi e settari ed infine i genocidi . Molteplici altri mali di carattere religioso-settario, politico e di gruppi separatisti aumenteranno vertiginosamente e domineranno il mondo e la sua popolazione, diffondendo paura e terrore.

Ma la colpa di tutto questo è solo degli abitanti della Terra e di tutti quelli che devono essere marchiati come fomentatori della sovrappopolazione – indipendentemente di quale azione essi si siano resi colpevoli.

I colpevoli sono tutti quelli che, in piena , minacciano e distruggono tutta la vita sulla Terra. Per opera degli stessi abitanti irresponsabili della Terra vengono prodotti, in modo del tutto consapevole, tutti i mali che distruggono la vita, a causa della continua nascita di nuovi individui e del conseguente e costante aumento della sovrappopolazione. E tutto questo perch é sulla Terra esistono tanti pazzi c he non provano alcun senso di responsabilità, né verso sé stessi, né verso i loro discendenti, n é verso il prossimo e nemmeno verso il resto dell'umanità. Essi non hanno nemmeno alcun senso di responsabilità per il nostro pianeta, per tutta la sua fauna e la sua flora .

Tutto questo è dovuto al fatto che tali persone sono esseri irresponsabili, autoesaltati e megalomani, che pensano di essere essi stessi la Creazione e ritengono, nella loro deficienza, che i ragionamenti che fanno siano logici e realistici, mentre in realtà tali individui non sono neppure in grado di farsi crescere per volontà loro o a comando, neanche un solo capello in più sulla testa.

Sono gli irresponsabili, i falsi propugnatori dell'umanitarismo, i seguaci di sette, sostenitori di idee folli, i fomentatori della sovrappopolazione, i portatori di disgrazie e i distruttori della vita e del pianeta che fanno di tutto affinch é i mali della Terra aumentino drasticamente e vengano spinti fino sull'orlo del precipizio con il rischio di distruggere l'esistenza della stessa vita. Sempre spinti della loro fede settaria falso-umanitaristica, gli esseri umani sono arrivati ormai a moltiplicarsi più velocemente e senza sosta , peggio dei conigli e dei topi.

La colpa del grave problema della sovrappopolazione e anche della lenta, ma costante e sempre più crescente distruzione della vita sulla Terra e del pianeta stesso, é in verità sicuramente da ricercare anche nella cattiva amministrazione, nella corruzione delle varie organizzazioni e nei promotori delle sovvenzioni per i paesi sottosviluppati, anche se i rispettivi responsabili non lo vogliono ammettere. Sono stati proprio questi “aiuti allo sviluppo” a favore dei paesi sottosviluppati e stanziati dagli Stati industrializzati del mondo cosiddetto civile ed economicamente più ricco, la causa di tanta distruzione nei paesi del Terzo Mondo. Questi “aiuti allo sviluppo” vanno dall'abbattimento delle foreste pluviali alla totale devastazione e distruzione di territori un tempo fertilissimi.

Dove una volta sorgevano foreste pluviali, produttrici d'ossigeno e regolatrici del clima, ora si estendono terreni desolati, sterili, corrosi e morti, sui quali non cresce neanche più un filo d'erba; e dove si estendevano campi e prati fioriti o si riusciva a malapena a strappare al magro terreno il raccolto di svariati tipi di cereali e ortaggi, sufficienti per sopravvivere, ora si estendono deserti di sale, paesaggi morti e desolati, oppure pa l ud i aride che spesso sono ricettacoli di agenti patogeni.

E tutto questo per colpa degli aiuti ai paesi sottosviluppati e di coloro che, in modo irresponsabile, fanno guadagni esorbitanti facendo confluire (anche tuttora) immensi capitali dai paesi industrializzati e civilizzati al Terzo Mondo, esportando corruzione e cattiva amministrazione e permettendo che queste dilaghino anche lì. Somme di denaro che servono anche a costruire sbarramenti di difesa, stabilimenti modello e aziende per lo sviluppo, improntate ai dettami dell'economia, e ancora, per disboscare le foreste pluviali e per distruggere il territorio e la vita, cosa che, come risultato, porterà enormi cambiamenti climatici ed influenzerà negativamente l'intero pianeta Terra e ogni forma di vita, scatenando violentissime tempeste, bufere , uragani, tifoni, inondazioni, frane, terremoti, siccità e altre catastrofi.

Ma anche l'uomo stesso ha dovuto sopportare alcune catastrofiche conseguenze causate dagli aiuti ai paesi sottosviluppati. Per esempio sono stati “civilizzati” i “poveri” contadini del Terzo Mondo che, con l'ausilio delle sovvenzioni ai paesi sottosviluppati, sono stati cacciati dalle loro terre o sono stati convinti a non proseguire nel coltivare le loro terre che da secoli avevano sì dato raccolti scarsi, ma sufficienti per nutrirsi e sopravvivere.

In questo modo i contadini e i lavoratori agricoli, cacciati e distolti dalle loro attività, hanno perso la vera ragione della loro vita, come è anche successo nel momento in cui le loro povere, ma in qualche modo ancora fertili terre, sono state urbanizzate e/o distrutte, rese brulle in seguito all'arrivo delle sovvenzioni.

La gente che da secoli e millenni aveva coltivato le loro povere , ma in qualche modo pur fertili terre, ed era in grado di procurarsi sempre cibo a sufficienza, con l'arrivo delle sovvenzioni per i paesi sottosviluppati, con la cattiva amministrazione e con la corruzione, ha perso in molti casi, non solo la propria terra, ma anche il proprio lavoro abituale, grazie al quale aveva potuto vivere in pace da secoli.

Con la perdita della propria terra e del lavoro negli espropriati, cacciati e senza lavoro, svanì conseguentemente qualsiasi iniziativa, e per un altro fattore ancora, essi persero qualsiasi autoresponsabilità oltre a non essere più incentivati al sostentamento della propria vita, poich é attraverso le sovvenzioni ai paesi sottosviluppati veniva loro offerto gratis ogni tipo di cibo.

Di conseguenza queste persone sono diventate apatiche e hanno cominciato a condurre una vita oziosa, aspettando semplicemente che la manna piovesse dal cielo, aspettando che gli alimenti offerti dalle sovvenzioni per i paesi sottosviluppati, venissero loro recapitati gratis.

Mancando l'attività consueta e tradizionale, che consisteva nel guadagnarsi il cibo attraverso il duro lavoro agricolo, queste persone non seppero più come comportarsi e che fare.

Esse passavano il tempo nell'ozio, occupandosi le une delle altre specialmente dal punto di vista sessuale, e attraverso l'accoppiamento ebbe così il via la “grande produzione” di figli.

Se inizialmente l'aumento della popolazione fu da imputare alla Rivoluzione Francese (secondo la folle idea di allora, cioè che bisognasse mettere al mondo tanti discendenti per poter contrastare a piene forz e le autorità e richiamarl e al loro dovere), più tardi si fece avanti un'altra antica e folle idea, per cui bisognava avere tanti figli e discendenti che potessero provvedere al mantenimento delle persone anziane.

Con l'arrivo delle sovvenzioni nei paesi sottosviluppati fu proprio la noia il motivo per cui questa gente, improvvisamente disoccupata, oppure espropriata e privata di ogni iniziativa, diede il via all'aumento esplosivo delle nascite, incrementando rapidamente la sovrappopolazione.

Quindi, è anche colpa delle sovvenzioni se la Terra si è sovrappopolata e rischia la distruzione di ogni vita su di essa, oltre che di se stessa.

Se da un lato la distruzione del pianeta e di tutta la vita sulla Terra è colpa della continua nascita di innumerevoli discendenti dell'essere umano, che è poi causa della sovrappopolazione, dall'altro sono colpevoli anche le sette e le religioni principali che si sono buttate come bestie feroci sui paesi del Terzo Mondo con falso spirito missionario, diffondendo la follia della fede religiosa e settaria e dando luogo a degenerazioni inumane e indegne dell 'uomo che vanno dalla schiavitù alla cattiva amministrazione, dalla corruzione allo sfruttamento, dal condizionamento negativo della coscienza alla cancellazione intenzionale del diritto alla libertà, dalla follia della fede alle guerre e agli assassini per motivi religiosi, fino al rincretinimento delle persone e altro ancora. Tutti questi mali hanno la loro origine nel male principale,ovvero nella demente sovrappopolazione e nella follia del motto settario:

“ Andate e moltiplicatevi ”

La verità è questa: la Terra è spaventosamente sovrappopolata e va incontro alla sua distruzione, ma anche alla distruzione di tutta la vita su di essa. E questo succederà a causa della sovrappopolazione. La colpa di questa sovrappopolazione è unicamente dell'uomo stesso perch é non sa darsi dei limiti, come già dimostrato per altre varie degenerazioni.

Al contrario dell'essere umano, il mondo animale si comporta istintivamente, logicamente e secondo natura; è capace di tenere sotto controllo autonomamente a propria popolazione seguendo un percorso regolato dal proprio istinto e dalla propria pulsione sessuale e si adegua alle condizioni della natura e alla quantità di cibo presente. Se ciononostante si arriva lo stesso per un qualsiasi motivo ad una condizione di sovrappopolazione di una data popolazione animale , automaticamente si verifica una moria naturale che decima una grande quantità di animali. L'essere umano, in quanto essere intelligente, potrebbe trarne esempio, ma nella sua megalomania non ci pensa neanche per un secondo.

Egli crede di essere il vertice della Creazione e come tale di essere autorizzato ad infrangere tutte le leggi naturali.

Di conseguenza egli continua a incrementare la sovrappopolazione con il risultato che l'umanità cresce a dismisura e con essa i mali quali povertà, miseria, criminalità, malattie, epidemie, vizi, ingiustizia e degenerazioni varie che continuano a crescere sempre più e senza sosta, per arrivare infine al caos più totale e alla completa distruzione di qualsiasi ordine e di tutta la vita.

Quanti più aiuti per lo sviluppo contro la fame e altro ancora saranno offerti da falsi umanisti e da vari misericordiosi, senza che venga organizzato un piano per la regolamentazione delle nascite, tanto più gravi si faranno i mali quali povertà, miseria, degenerazioni e tutti questi incomberanno assieme ad altre situazioni catastrofiche che rovineranno e distruggeranno la vita ed il pianeta.

Senza un aiuto effettivo, appropriato e veramente umano, n é i paesi n é i popoli sottosviluppati potranno, in pochi anni o in pochi decenni, essere educati, civilizzati o portati ad un livello economico stabile e fatti avanzare nel loro progresso. Tali popoli non possono neanche essere semplicemente ri modellati senza precise indicazioni internazionali e resi pari a quel mondo e a quegli uomini diventati ormai autonomi, sia nel pensare, sia nell'agire, che si son fatti propri una sana economia e una sana politica, che possiedono una grande educazione e una vasta cultura generale e che dispongono di uno stato sociale sano, di un governo, di una legislazione e di direttive sane per lo sviluppo sociale; tutto conquistato lentamente nel corso dei secoli.

Naturalmente aiuti di qualsiasi genere sono sempre ben accetti, ma solo se vengono distribuiti ed utilizzati con responsabilità.

Aiuti del genere possono essere elargiti anche a favore dei paesi sottosviluppati del Terzo Mondo; purtroppo assieme a tali aiuti non vengono mai fornite però anche le indicazioni per un controllo delle nascite.

L'aiuto a questi paesi e a questa gente dovrebbe consistere nell'insegnare loro lavori e metodi di lavoro avanzati, come sfruttare meglio la loro terra per ottenere raccolti più abbondanti, senza che si interferisca e si distrugga l'ecosistema. Questo aiuto dovrebbe consistere anche nell'impartire una buona istruzione generale e scolastica che sviluppi in un secondo tempo una mentalità sociale e progressista, oltre che la consapevolezza che ognuno di è responsabile del proprio operato, del proprio lavoro e anche della propria vita.

L'aiuto deve però consistere anche nel far arrivare alla gente tutte le informazioni sulle conseguenze catastrofiche provocate dalla sovrappopolazione; quindi, deve essere comprensivo anche di un'ampia spiegazione riguardo al controllo delle nascite e alla contraccezione. A queste informazioni deve poi seguire un rigoroso stop alle nascite.

Un aiuto adeguato ed appropriato è giusto che venga offerto solo laddove gli esseri umani non incrementano la crescita della sovrappopolazione e non procreano come maiali o conigli, dove gli uomini lavorano, non si indebitano, non producono povertà con le proprie mani, e dove sono in grado di educarsi e di farsi una certa cultura, grazie alla quale impara n o a pensare e ad agire in modo responsabile e progredito . Da tutto questo si otterrà un altro risultato ancora: questi esseri umani avranno imparato ad avere figli entro certi limiti e non si saranno più resi colpevoli di aver fatto crescere la sovrappopolazione.

L'essere umano della Terra dovrebbe lasciar regnare unicamente le leggi e le indicazioni naturali. Questo vale in particolar modo per la sovrappopolazione che può essere ridotta solo attraverso uno stop rigoroso e radicale delle nascite e seguendo precise procedure.

Solo in questo modo l'uomo si comporta correttamente. La povertà e la miseria, assieme a tutti i mali del mondo, potranno così essere finalmente arginate ed infine cancellate dal nostr o bellissim o pianeta blu.

La sovrappopolazione comporta anche problemi etnici scatenando esodi di interi popoli, guerre, assassini e omicidi.

Con il costante aumento della popolazione sulla Terra gli uomini vengono stretti sempre di più gli uni contro gli altri e lo spazio per il singolo individuo diventa sempre più piccolo e ristretto.

É perciò inevitabile che persone appartenenti a popoli e a tribù diversi, con religioni, punti di vista, opinioni, filosofie e mentalità diverse, vengano sempre più relegati in spazi angusti dandosi fastidio a vicenda. Inevitabilmente e in maniera automatica, si vengono così a creare opinioni contrastanti, attriti e conflitti , dai quali nascono poi immancabilmente e automaticamente guerre, assassini, omicidi ed esodi di popoli. Sono proprio queste fughe di popoli a portare nuovamente grossissimi problemi perché degenerano e si diffondono in tutto il mondo. Infatti i profughi non si limitano ad abbandonare semplicemente la loro casa d'origine per cercarsene una nuova in un altro posto, ma scelgono spesso paesi che sono finanziariamente ed economic a mente più avanzati di quanto non lo sia il loro paese d'origine.

A migliaia, a decine di migliaia e anche a milioni, questi fuggitivi scappano così abbandonando la loro terra d'origine per riversarsi in altre nazioni più benestanti, le quali devono fare i conti con questa ondata di stranier i e a dover affrontare problemi quasi i rrisolvibili . Le misure per l'accoglienza dei profughi costa no allo stato che li accoglie somme da capogiro che vengono pagate e sborsate dagli onesti e laboriosi cittadini del paese ospite con denaro faticosamente guadagnato sotto forma di esose tasse.

I profughi appartenenti a quei paesi nei quali vi sono problemi etnici, di guerre, di assassini, di omicidi e di persecuzioni varie, invadono sempre più e sempre più spesso i paesi più ricchi per insediar vi si, spesso con l'inganno e con azioni criminali.

Sempre di più essi si infiltrano negli stati del mondo dove il tenore di vita è alto e spesso ci entrano solo illegalmente. Questa massiccia infiltrazione di profughi porta con sé anche problemi nuovi di natura sociale, economica, politica, religiosa ed etnica.

Lo stato sociale inizia a va c illare per poi crollare. I costi per il sostentamento della vita e per gli affitti delle case aumentano costantemente, cresce la mancanza degli alloggi e i profughi si mescolano con gli abitanti del luogo, dando così inizio ad una lenta ma certa cancellazione della linea di discendenza del popolo indigeno, poiché questi si uniscono in matrimoni misti, dai quali nasceranno altri discendenti di razza mista e in quantità non più controllabile.

Se avvengono matrimoni misti dovuti al fatto che persone di razze diverse si sono conosciute in un paese straniero, durante un viaggio oppure per motivi di lavoro, questi sono da considerare come un fatto assolutamente normale e comprensib il e; tali matrimoni sporadici non nuo cc iono né alla discendenza del proprio popolo, né al popolo stesso. Ma se avvengono numerosi matrimoni contratti con i profughi giunti nel paese ospite, e da questi matrimoni nascono numerosi discendenti, allora in poco tempo si formerà un popolo nuovo di razza mista che tenderà a spingere ai margini quello autoctono portandolo poi all'estinzione.

La tipologia dei profughi che invadono un paese straniero non presenta alcuna omogeneità poiché essa è composta da individui che provengono da tutti gli strati sociali e i cui motivi reali di fuga sono spesso diversissimi tra loro. I motivi per i quali questi individui lasciano il loro paese d'origine possono avere la loro origine in problemi economici e personali, pene d'amore, droga, religione, motivi militari, familiari, politici, lavorativi o anche solo nello spirito d'avventura.

Tutti questi profughi delle etnie più diverse fuggono dal loro paese d'origine per cercare rifugio in altri s tati più benestanti; stati però che presto cominciano a soffrire di quella eccessiva presenza straniera e di tutte le conseguenze negative che essa comport a , mettendo a rischio il paese e il popolo che li ospita . La maggior parte di tutti questi profughi chiedono asilo e ciò costa al paese ospitante, e di conseguenza anche agli zelanti contribuenti, somme miliardarie. Di nuovo, naturalmente, tutto questo non piace affatto ad alcuni strati della popolazione locale, e di conseguenza nascono e si alimentano xenofobia e odio per i rifugiati e le razze diverse, sfociando in un'escalation mortale e provocando danni materiali e disgrazie inimmaginabili.

C'è un altro fattore riguardo questi profughi che non può non essere preso in considerazione: il fatto che in generale fuggono dai loro paesi d'origine solo persone che sono finanziariamente più agiate, che dispongono di un loro patrimonio, di una casa o di un appezzamento di terreno e che all'occor r enza possono trasformare in moneta sonante per finanziare in questo modo la loro fuga. E proprio modesti questi tipi di profughi non lo sono, perché spessissimo fanno richieste spropositate, in fatto di soldi, al paese che li ha accolti: alloggi, automobili, contributi per il sostentamento alla vita, vestiario e aiuti sociali di ogni genere.

Quelle persone che invece veramente avrebbero bisogno di fuggire dalla loro patria, poiché sono in pericolo di vita, non ci riescono, salvo in rari casi, perch é semplicemente non dispongono dei mezzi finanziari necessari per intra p rendere una fuga e, di conseguenza, vengono spesso arrestati, torturati e assassinati. Ergo, vengono classificati in generale come profughi solo coloro che in qualche maniera dispongono di un piccolo capitale. Di solito sono proprio questi ultimi che spesso fuggono solamente perch é pensano di poter condurre in un paese economicamente e socialmente più avanzato una vita più comoda di quanto non avrebbero potuto fare nel loro paese d'origine, dove la vita era diventata oram a i troppo faticosa.

Fuggiti solo per motivi economici questi fanno credere allo s tato ospite, in modo ingannevole e menzognero, che essi sono dei perseguitati e che hanno dovuto abbandonare il loro paese d'origine per motivi religiosi, militari o politici. Sono tutte affermazioni false , bugie, inganni e trucchi che in questi casi non corrispondono alla verità.

Spesso succede anche che alcuni profughi si dimostrino non solo piccoli delinquenti, ma addirittura veri e propri criminali che continuano a commettere i loro crimini lucrativi nel paese ospitante.

Sono sempre più numerosi poi anche quei tipi di profughi che giungono nei paesi ospitanti con l'intenzione di raccogliere, non ufficialmente o magari anche ufficialmente e con il benestare delle autorità locali, ingenti somme di denaro da destinare al loro paese d'origine per finanziare guerre, guerre civili e rivoluzioni o per a c quistare armi o materiale bellico.

Sono molto pochi i profughi che possono essere considerati veramente t ali. Su decine di migliaia se ne contano di fatto assai pochi che, per salvaguardare la loro vita, sono stati costretti ad abbandonare il loro paese d'origine. Questi ultimi, quindi, possono essere considerati come profughi autentici, anche se in netto contrasto con l'oper ato dei responsabili per l'accoglienza, i quali riconoscono a migliaia e a decine di migliaia di presunti profughi lo status di autentico profugo, cosicché lo s tato ospitante deve farsi carico di tutte le spese. Questi responsabili, per colpa delle loro false idee umanistiche, non si rendono conto, o non vogliono capire, che moltissimi ‘profughi' sono fuggiti dal loro paese esclusivamente per motivi economici, piantando in asso con disprezzo la loro patria. Proprio quando uno stato è afflitto da agitazioni e povertà, è costretto a far conto sull'aiuto e sulla collaborazione di ogni suo singolo cittadino, proprio allora prendono il largo tutti coloro il cui aiuto sarebbe stato assolutamente indispensabile per salvare il proprio paese, lo s tato e la vita. Vigliaccamente molte persone fuggono dal loro paese d'origine invece di mettersi a disposizione di esso e offrire la propria collaborazione per ripr i stinare la normalità e renderlo un paese fiorente.

Fuggendo vigliaccamente ciò non si potrà mai ottenere, non importa se si tratta di un paese pressoch é normale oppure di uno stato dittatoriale ormai precipitato nel caos più profondo. Qualsiasi paese ha bisogno dei propri cittadini perch é solo attraverso la loro collaborazione, congiuntamente ad adeguat e forz e di governo, sarà possibile elaborare ed ottenere una struttura civile, sociale e veramente dignitosa, insieme ad un'economica e politica adatta a raggiungere un buon tenore di vita.

Ma se i cittadini fuggono vigliaccamente dal loro paese, invece di mettersi a disposizione e se necessario anche combattere per esso, il caos e la povertà, la miseria e tanti altri mali non potranno far altro che aumentare e divenire inevitabili.

Ci sono infine anche quei tipi di profughi che sono veramente vittime di disordini politici, di guerre, di rivoluzioni e di ingiustificate persecuzioni. Il fatto che a tali persone venga offerto aiuto, accogliendoli e assistendoli come profughi, dovrebbe essere considerato dal punto di vista purament e umano, un fatto ovvio, ma solamente alla condizione che questi profughi non si stabiliscano definitivamente nel paese ospitante ma tornino nel loro paese d'origine non appena la situazione si è normalizzata e le condizioni economiche sono state in qualche modo ripr i stinate affinché non vi sia più alcun rischio, né per loro stessi, né per la loro vita. Tutti questi fattori dimostrano chiaramente che se vogliamo evitare che i grandi problemi dell'infiltrazione dei profughi, dei rifugiati, della xenofobia e dell'odio per gli esiliati e per le razze diverse non aumentino a tal punto da provocare alla fine catastrofi tali che nessuno potrà più controllare, è necessario fermare in modo rigoroso l' entrata di questi fiumi di profughi.

E' brutale e dis umano rispettare gli ordini e le leggi naturali? No. E' invece brutale, dis umano e privo di altruismo quando l'essere umano persevera con tutti i suoi mezzi nel mantenere e nell'incentivare la sovrappopolazione, continuando a mettere al mondo decine di milioni di esseri umani e quando, per colpa delle varie sette e di un sentimentalismo idiota e stordito , non provvede ad organizzare un rigoroso controllo delle nascite. In questo modo la povertà e tutti gli altri problemi diverranno sempre più grandi e insormontabili e alla fine non si troverà più nessuna soluzione e salvarsi sarà impossibile.

 

Provvedimenti necessari da prendere in tutto il mondo:

Una tra le molte possibilità!

(questo non vale per le minoranze rappresentate da popolazioni primitive , incontaminate, che da sempre hanno avuto un loro sistema severo di controllo delle nascite).

Età minima consentita per il matrimonio :

  • Donna: 25 anni
  • Uomo: 30 anni

Età minima per fare figli:

  • Donna: 28 anni
  • Uomo: 33 anni

Presupposti indispensabili per poter fare dei figli:

  1. Essere sposati da almeno 3 anni.
  2. Poter dimostrare un matrimonio sano ed armonioso.
  3. Poter dimostrare una condotta impeccabile da parte di ambedue i partner
  4. Poter dimostrare di avere la capacità di educare i bambini.
  5. Essere in buona salute: nessuna malattia ereditaria ed infettiva, nessuna dipendenza da droghe,da medicinali, da alcol ecc.
  6. Non appartenere a nessun gruppo estremista, e nemico dello Stato.

Numero massimo di figli:

  • 3 figli per matrimonio

Intervalli con stop totale delle nascite:

  1. Per 7 anni stop totale delle nascite in tutto il mondo.
  2. Per 1 anno permesso di procreare secondo il proprio progetto
  3. Per 7 anni stop totale delle nascite in tutto il mondo.
  4. Per 1 anno permesso di procreare secondo il proprio progetto

Da eseguire finché l'umanità della Terra non si sia ridotta ad uno stadio normale.

In seguito : i permessi per sposarsi e per procreare rimangono in vigore, il ciclo di 7 anni con stop alle nascite, invece decade.

Continua a rimanere in vigore: >3 figli massimo per matrimonio (oppure 3 bambini adottivi/in affidamento) Misure disciplinari per chi si oppone:

  1. Sanzione pecuniaria pari a 10 stipendi annui per ambedue i trasgressori
  2. Sterilizzazione per ambedue i trasgressori.
  3. Castrazione dei trasgressori in caso di violenza carnale, stupri ecc., con separazione sessuale ed espulsione a vita dalla società.
  4. Sottrazione ed educazione da parte dello Stato di tutti figli dei trasgressori = genitori adottivi /in affidamento.

Nell' opuscolo “Sovrappopolazione” n° 3 (in fase di traduzione dal testo originale in tedesco) troverete ulteriori spiegazioni più approfondite riguardo i provvedimenti descritti sopra.

 

Brutale e disumano

Cosa vi sembra più disumano e ostile nei confront i del prossimo e della vita:

1) un mondo sovrappopolato, afflitto da carestie, povertà, miseria e da orrendi morti, dove all'ordine del giorno ci sono: guerre, omicidi, assassini, torture, pena di morte, stupri, criminalità, odio, epidemie, distruzione, vizi, ostilità verso la vita, estremismi, menzogne, inganni, degenerazioni ecc. e dove ogni anno dopo inaudite sofferenze crepano miseramente milioni di persone come altre centinaia di migliaia che perdono la vita dopo aver subito orrende torture loro inflitte dagli aguzzini, oppure ancora dove si muore per fame e per miseria,

OPPURE

2) un mondo con una giusta popolazione, dove tutti i mali, i problemi e la miseria sono diventati piccoli, dove non c'è più fame e povertà e dove la paura di guerre e di sciagure si è talmente ridotta che si sono realmente creati i presupposti per una pace in tutto il mondo, dove non si ha più costantemente paura del futuro e ci si può permette re di condurre una vita in amore, logica e ragionevolezza.

 

Certamente la verità non può essere detta una volta sola con parole false umanistiche e diplomatiche, ma deve essere ripetuta più volte ed esclusivamente con parole dure, appropriate, per niente diplomatiche che non devono nascondere nulla ma devono esporre implacabilmente la verità e i fatti veri, poiché solo in questo modo la gente si sente chiamata in causa direttamente, o aggredita, e di conseguenza inizia a reagire e a confrontarsi con i fatti reali e con la verità.

Dovrebbe essere chiaro a tutti che, attraverso le reazioni che vengono a manifestarsi in tali persone, chiamate direttamente in causa, emerge il loro vero atteggiamento e viene dimostrato con ciò se hanno o non hanno capito il problema. Le persone non autoritarie e ragionevoli si lasciano in generale informare ed istruire molto meglio di quanto accada con quelle autoritarie e dissennate che mettono sempre in dubbio qualsiasi cosa. Tali persone non essendo a conoscenza della situazione reale dei fatti hanno opinioni errate, vogliono saperla più lunga e, in modo ingiustificato, istruire coloro che ne sanno molto di più e infine farli passare per istigatori, eretici e polemici solamente perch é la loro mente non è sufficientemente aperta per riuscire a vedere e a comprendere la realtà dei fatti veri, oppure perch é dispongono di qualche titolo e credono erroneamente di essere in tal modo più istruiti, più dotti e di saperne molto di più di coloro che non ne posseggono neanche uno. Ma queste persone si sbagliano di grosso. Di regola questi plurilaureati possono essere paragonati ad una luce che messa sotto un moggio non riesce ad illuminare neanche il suo interno.

Prova a fare qualche riflessione e chiediti in quale mondo vorresti vivere e se sincera ed autentica umanità, amore, amore per il prossimo e verità alla fin fine non abbiano la meglio su falsa umanità, falsa carità e tutte le menzogne. E già che ci sei, chiediti anche come vorresti che vivessero i tuoi discendenti e anche i loro figli.

Billy

Cara lettrice, caro lettore,

dopo essere stata/o informata/o dei fatti descritti nel testo qui presente, e dopo aver preso conoscenza del fatto che il male principale del nostro tempo è in primo luogo la spaventosa sovrappopolazione del nostro pianeta, ti preghiamo, conoscendo quanto siano importanti le nostre azioni, di aiutarci a diffondere queste importanti notizie. In tal modo, oltre al tuo impegno personale, tu contrib ui sci anche a far conoscere in tutto il mondo la realtà della sovrappopolazione e tutti i provvedimenti urgenti che devono essere adottati per poter far fronte a questa drammatica situazione. Attraverso le nostre incessanti azioni aspiriamo ad ottenere un miglioramento della situazione a favore di tutti gli esseri umani del nostro pianeta.

Ringraziamo per le offerte di collaborazione!

 

Appello importante
Cara lettrice, caro lettore

Ti preghiamo e ti chiediamo di fotocopiare più volte questo testo “ Lotta contro la sovrappopolazione ” e di distribuirlo ai tuoi conoscenti e non. Se sei perfettamente padrone di una lingua straniera, oltre al tedesco, ti invitiamo a tradurre il testo, ma sempre e solo dall'originale in tedesco. Se fosse interessato a questa opportunità può contattarci tramite e-mail all'indirizzo: infoaltfigu.org

oppure scrivere a:

FIGU-Landesgruppe Italia
C.P. n° 11, Carcina
(Comune di Villa Carcina)
25069 Brescia (BS), Italia

 

Potresti poi inviarci il testo tradotto in modo da poter anche noi distribuirlo con il tuo permesso.

E' molto importante che questo testo venga distribuito in tutto il mondo, poiché solo in questo modo c'è la possibilità che il problema mortale della sovrappopolazione venga realmente capito e che vengano presi anche i dovuti provvedimenti intenzionali ed internazionali contro di essa ma anche contro le torture e la pena capitale (l'opuscolo “Torture, pena di morte e sovrappopolazione” sarà disponibile in futuro in lingua italiana (oggi 25/02/2004), per uso fotocopie, traduzioni e distribuzione, presso l'associazione FIGU Schweiz e presso la FIGU Italia in Italia. Distribuisci queste informazioni come meglio può. Manda un opuscolo ai tuoi parenti, conoscenti, amici, colleghi, ai medici e agli scienziati, alle varie organizzazioni, alle chiese e alle sette che predicano che l'uomo deve continuare a moltiplicarsi, alle varie organizzazioni ambientali, alle associazioni in generale, alle varie organizzazioni per lo sviluppo, per la pace e altre ancora, ai parroci, preti e predicatori, alle stazioni radiofoniche e televisive, alle redazioni di giornali e riviste, ai giornali specializzati e popolari ecc., alle autorità, ai reporters, ai politici, agli ordini giudiziari e militari, alle scuole e unive rs ità, ai giuristi, ai vari governi ed enti, ai privati, ai professori, ai consigli d'amministrazione, alle ditte e complessi commerciali, al signor Rossi e al signor Bianchi e a tutte le persone che ti vengono in mente, perché il problema della sovrappopolazione e la distruzione di tutta la vita sulla Terra e del pianeta stesso, da essa causata, riguarda ogni singolo individuo, dovesse abitare anche nel paesino più sperduto del mondo.

Aiutaci anche tu nella lotta contro la sovrappopolazione e nella lotta contro la distruzione di tutta la vita sulla Terra perch é solo con il tuo aiuto e l'aiuto di ogni singola persona si potrà arginare, ridurre e normalizzare il Moloc e la devastante sovrappopolazione e far in modo che la vita degli esseri umani della Terra e quella di tutte le sue creature meriti nuovamente di essere vissuta e che vengano salvati la vita e il pianeta.

In questa impresa è necessario il tuo contributo personale e quello di ogni singola persona. Se ognuno di noi partecipa singolarmente e poi tutti insieme ci uniamo, si crea una massa gigantesca e una forza capace di affrontare e distruggere qualsiasi male.

Ma se ogni singola persona non affronta il male per conto proprio non si potrà fare mai niente. Solamente tutti uniti possiamo diventare forti ed influenzare il male per cambiarlo e migliorarlo. Ogni singola persona deve osare ed intraprendere qualcosa di più, deve trovare persone che la pensano allo stesso modo e, tutti insieme, lentamente ma inesorabilmente, creare una massa critica che diventerà immensa e che sarà in grado di sprigionare tutta la sua forza.

Per fare ciò è necessario che ognuno faccia la sua parte e si cerchi persone che la pensano allo stesso modo, per poter procedere poi uniti e forti contro tutti i mali. Offri anche tu il tuo aiuto personale e contribuisci con interventi tuoi alla lotta contro la sovrappopolazione e contro la distruzione imminente causata da essa, in parte già visibile oggi, e sostienici sotto ogni aspetto in questo compito.

Ci aiuti anche Lei a fermare la distruzione, scatenata dalla sovrappopolazione, col motto:

 

“Salvate la Terra, la vita, le piante, gli uomini e gli animali”

É richiesto un intervento di massima urgenza, se vogliamo che venga affrontata ed arginata con efficacia questa galoppante, esplosiva e sempre più crescente sovrappopolazione , la madre di tutti i mali.

Con la tua collaborazione attraverso la distribuzione di questo testo che espone in modo cruento ma realistico la realtà della sovrappopolazione e il suo rapido e g al oppante peggioramento, partecipi direttamente ad un'azione che come obiettivo ha la sopravvivenza dell'umanità intera.

Solo quando anche l'ultimo abitante primitivo, nella giungla più remota, sarà diventato consapevole e capirà che cosa significhi per lui e per tutti gli uomini, la sovrappopolazione e sarà disposto ad usare la ragione, solo allora potremo dire che la nostra azione ha avuto successo.

Non limitarti a sostenere la nostra azione, distribuendo e spedendo una volta sola poche copie, ma continua sempre a collaborare con noi per i prossimi anni e decenni e coinvolgi in questa azione anche i tuoi discendenti che a loro volta dovrebbero portare avanti il discorso e così via.

Facciamo appello a te, come essere umano, affinch é ti adoperi con tutto il tuo impegno nel distribuire questo testo e nel diffonderlo tra tutti i tuoi simili.

Pensate : miliardi di persone hanno bisogno di questa informazione!

 

Billy Eduard Albert Meier