Questo sito utilizza i cookie per offrire il miglior servizio possibile. Continuando a navigare nel sito si acconsente all'utilizzo dei medesimi.

Ufologia

Philadelphia Experiment e Teschi di Cristallo

Estratto del Bollettino FIGU n. 56 – Giugno 2006

 

Domanda di un lettore

Ultimamente mi sono state raccontate diverse cose. Per prima cosa, qualcosa sul Phildelphia-Experiment e sui rapimenti da parte di extraterrestri e i contatti con essi. E’ stato anche spiegato che dietro ci sarebbero molte menzogne e inganni. Poi mi sono state mostrate anche delle foto sulle quali si vedevano dei teschi di cristallo di presunta origine extraterrestre. Purtroppo non mi sono mai occupato di cose del genere, quindi non ho la minima esperienza e perciò non so cosa pensare di tutto questo. Un mio conoscente, che mi ha raccontato il tutto, mi ha gentilmente dato il suo indirizzo internet e così ho potuto darci un’occhiata, venendo a sapere tante cose sorprendenti che finora mi erano sconosciute. Siccome penso che Lei, Billy Meier, potrà sicuramente darmi delle informazioni al riguardo, mi rivolgo a Lei con la preghiera di rispondere alla mia domanda in uno dei Suoi bollettini, che tra l’altro ho trovato anch’essi in internet e La ringrazio già sin d’ora.

  U. Ermann, Germania

Risposta

Per smemoratezza Le potrò dare una risposta solo nel bollettino di giugno 2006, cosa che mi deve perdonare, perché sicuramente si aspettava una risposta già prima. Purtroppo ho un sacco di cose per la testa, per cui può succedere che mi perda qualcosa che ritrovo solo dopo. Dunque, come risposta le voglio dare una spiegazione con un estratto del 400° resoconto di contatto ufficiale del 25 settembre 2005, sperando di poterla accontentare.

Billy: L’ho notato anche io, dopo che eri andato via e mi sono letto le domande. Guarda qui, ho alcuni appunti: mi vengono chieste continuamente informazioni sui teschi di cristallo trovati in Sudamerica e anche sul presunto Philadelphia-Experiment. Naturalmente ho ripetutamente spiegato che i teschi di cristallo non hanno nulla a che fare con gli extraterrestri e che non c’è nulla che faccia riferimento a questi. Questi teschi sono stati invece fabbricati nel XIX secolo in Germania. Ciononostante questo fatto non vuole essere accettato come verità, come non è accettata la realtà che il Philadelphia-Experiment non è altro che una fantastica truffa, in quanto un tale esperimento non ha mai avuto luogo. Vedi qui, questo signore, un certo Ermann della Germania, vorrebbe che chiedessi ulteriori informazioni a voi e pubblicassi la risposta poi in un bollettino. Potresti, per favore, darmi brevemente una risposta alle domande?

Ptaah: Non ne abbiamo mai parlato ufficialmente, ma più volte in privato. Quindi ti rispondo volentieri in forma ufficiale, ma vorrei limitarmi solo all’essenziale. Questi teschi nominati da te, che sarebbero stati trovati in Sudamerica e attribuiti ai Maya e che avrebbero presunte origini extraterrestri, sono stati, come hai appena detto tu, fabbricati nel XIX secolo in Germania, cioè in un'officina di molatura di pietre preziose e diamanti in quelle zone che, nel 1933, sono state poi inglobate in una città di nome Idar-Oberstein.

 

teschio di cristallo al british museum

Esemplare di Teschio di Cristallo conservato presso il British Museum

 

Il committente, Florian Rosenfelder, era un signore benestante tedesco che, in privato e come hobby, si occupò di archeologia e fu lui a portare i teschi nella zona dei Maya per poi provare la sensazione di “scoprirli” lì. Fece purtroppo in tempo solo a piazzare i teschi di cristallo in diversi posti con l’intenzione di “scoprirli” in seguito in presenza di testimoni, cosa che non gli riuscì, perché morì avvelenato dagli indigeni che poi lo depredarono. Riguardo al cosiddetto Philadelphia-Experiment c’è da dire che un autore di nome Berlitz aveva già scritto in precedenza un fantasioso libro su questo fatto. Un tale esperimento non si è mai svolto né negli USA, né da nessun'altra parte del mondo. Tutta questa bizzarra storia si basa sostanzialmente sulle ingannevoli affermazioni di un uomo di nome Kal Allen riguardo a un presunto esperimento con una nave, chiamata “USS Eldridge”.

 

nave uss eldrige

USS Eldridge

 

Questo signore pensava che attraverso questa sua fandonia egli potesse elevare la propria immagine e diventare pure ricco. Da quando egli fallì nelle sue intenzioni e per lui la situazione divenne troppo precaria poiché rischiava di essere smascherato come imbroglione, sparì senza lasciare traccia.

Billy: Conosco la storia, ma non sapevo come si chiamasse la nave. Si sostiene che la marina americana avesse fatto nell’ottobre del 1945 nel porto di Philadelphia un esperimento con potentissime oscillazioni elettromagnetiche, durante il quale questa nave sarebbe sparita senza lasciare traccia per riapparire poi a 500 chilometri di distanza nel porto di Norfolk, per poi sparire di nuovo dopo poco e riapparire nel porto di Philadelphia.

Ptaah: Sì, questo è il sunto della fandonia.

Billy: E’ una fandonia, come quella dei numerosissimi presunti contatti con extraterrestri e le notizie sui presunti rapimenti da parte di essi che sono state diffuse e continuano a venir diffuse in tutto il mondo.

Ptaah: Cose che purtroppo vengono considerate da moltissimi esseri umani della Terra come realtà e verità.

Billy: Mentre considerano l’effettiva realtà e verità come inganno e menzogna.

Ptaah: Purtroppo è così, per cui tu vieni diffamato e insultato, poiché essi non conoscono la verità sui contatti con noi, relegandoli nel regno dell’inganno e della menzogna, mentre apprezzano tutti gli imbroglioni, bugiardi e ingannatori di ambo i sessi lasciandosi sviare.

Billy: Queste cose non si possono cambiare, vale a dire: il mondo vuole essere ingannato e imbrogliato. Perciò la verità non conta. Conta solo l’inganno, la menzogna, la ciarlataneria e la falsità. Ma lasciamo stare, perché non serve a nulla parlare di queste cose. Ogni essere umano deve arrivare per conto proprio alla verità tramite la propria ragionevolezza e comprensione.


Billy


Tradotto da: Irma Ausserhofer
Controllato da : Davide Turla